IL POETA OGGI E ALLORA

di Edoardo (V ginnasio, sez. G)

Secondo voi quale era il mestiere ritenuto migliore nel Medioevo? Il poeta!

E perché? Perché era una attività privilegiata rispetto ai lavori agricoli e artigianali svolti dalla maggior parte della popolazione.

Inoltre, nel Medioevo, e soprattutto durante il periodo di massimo sviluppo della corte di Federico II di Svevia, il poeta aveva un ruolo determinante nella società. Infatti scrivendo poesie, che in seguito venivano tramandate dai giullari, egli aveva come obbiettivi l’alfabetizzazione della popolazione ed il tramandare poesie ed indovinelli, che altrimenti sarebbero andati perduti.

Come tutti ben sanno, uno dei temi più affrontati dagli antichi poeti era l’amore verso una donna, la quale poteva appartenere a qualsiasi ceto sociale, da quello  contadino a quello più nobile, e rispecchiava tutti i criteri di bellezza, sia interiori sia esteriori, desiderati dal poeta.

Quest’ultimo poteva essere assunto da una corte e far parte quindi della medesima; in questo caso egli scriveva e componeva soltanto per l’intrattenimento di un pubblico di livello sociale elevato. Inoltre il poeta, se veniva assunto da una corte, non praticava solo quel determinato lavoro, ma poteva svolgere  anche altri compiti come per esempio Cielo d’Alcamo, che oltre al ruolo di poeta aveva anche il ruolo di funzionario di Federico II e responsabile della cancelleria. Alla corte di Federico II di Svevia, situata in Sicilia, appartenevano altri  famosi poeti come Pier delle Vigne.

I poeti, in quel tempo, per scrivere adottavano strumenti di scrittura artigianali, quali calamai, piume d’oca ed inchiostri naturali, che nella maggior parte dei casi li costringevano ad impiegare lunghi tempi per completare le loro opere.

Oggi il ruolo del poeta come viene visto secondo voi?

E’ proprio così, oggi il compito del poeta sta scomparendo, infatti sono pochissime le persone che praticano questo antico mestiere: le cause sono semplici e facili da individuare poiché oggi il lavoro del poeta  è stata sostituito dai mezzi tecnologici, come per esempio social network, quali facebook e twitter,  che hanno reso i giovani non interessati alla poesia così come a moltissime altre cose, che i nostri antenati hanno amato e tramandato con passione.

In alcuni siti web e giornali si dibatte se la poesia, e di conseguenza il poeta, potrebbero avere un ruolo determinante ancora nel duemilaquattordici. In questi confronti si scontrano due generazioni distinte: quelle dei giovani di oggi, che portano avanti la tesi che la poesia ormai è un nulla e sono meglio i messaggi  immediati e i contenuti velocemente intuibili dei mezzi tecnologici, e quella dei nostri genitori/nonni, favorevoli alla tesi della poesia che sprigiona nell’uomo sentimenti ed emozioni che non posseggono i testi dei social network e dei mass media.

Voi quale appoggereste?

Be’, io sarei stato favorevole ad entrambe ma solo in alcuni aspetti e mi spiego meglio:

oggi siamo nel 2014 e nel XXI secolo è chiaro che la poesia viene vista con occhio diverso e più critico rispetto ad esempio agli anni ‘50/‘60 in cui le maestre elementari o più in generale gli insegnanti facevano imparare a memoria poesie e ritornelli che molti dei nostri genitori/nonni ancora rammentano, mentre oggi ciò non accade più. Tuttavia, secondo me, le poesie andrebbero fatte comunque studiare ed imparare mantenendo in vita il ruolo del poeta che ha comunque notevoli effetti formativi  sui giovani.

La poesia richiede tempo e riflessione, la tecnologia vuole rapidità ed immediatezza; non sarebbe male coniugarle………..

Ma perchè allora non far apprendere poesie usando la tecnologia di cui oggi disponiamo?

Per esempio sarebbe interessante far conoscere le poesie ai giovani attraverso tablet e programmi interattivi che renderebbero più piacevole l’ apprendimento di questa soprattutto nei più piccoli.

Questo è quello che penso io, dite la vostra riguardo a questo tema lasciando commenti, osservazioni e critiche sempre ben accette.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...