Sirene del XXI sec.

di Maria Giulia (V ginnasio, sez. G)

La sirena dell’Odissea è dematerializzata, non si vede, si sente soltanto; è una voce che ammalia e attira esattamente come alcune trappole che si possono incontrare nei social network.
Per esempio uno tra i social preferiti dagli adolescenti è Ask.fm. Creato da un’idea dei fratelli lettoni Ilya e Mark Terebin, viene utilizzato principalmente tra i 13 e i 16 anni.
Un esempio di ‘trappola’ la si può trovare nell’articolo pubblicato sul Mattino di Padova dell’ 11 Febbraio 2014, scritto da Silvia Bergamin e Claudio Malfitano:
Ragazza di 14 anni spinta a uccidersi dagli insulti su Ask.fm
Si è gettata domenica dal tetto dell’ex hotel Palace. Era stata presa di mira sul social network più volte accusato di favorire il cyberbullismo: «Sucidati», «Sei strana, meriti di stare sola». La Procura apre un’inchiesta’.

ask.fm
E’ possibile fare un confronto tra Ulisse ed Amnesia, la ragazza protagonista dell’articolo, che sono uniti proprio dall’essere esposti al richiamo delle Sirene. Esistono però delle importanti differenze tra i due: se in Ulisse il desiderio di conoscere e di esporsi al rischio è unito ad un consapevole desiderio di sopravvivere, tanto da affidarsi ai compagni di viaggio che saranno suoi tutori in questa esperienza (devono infatti rifiutarsi di obbedire ai suoi ordini per impedirgli di suicidarsi seguendo le Sirene), nella storia di Amnesia invece il canto delle Sirene aumenta il suo senso di disagio. Questo sentimento sembra far leva sulla sua solitudine, sulla poca autostima (la ragazza ha un nome che sembra essere un chiaro indizio del fatto che tutti si fossero dimenticati di lei, quasi non esistesse). Le Sirene in Amnesia hanno il potere di indirizzarla verso un atto che le darà finalmente visibilità: il suicidio. Vani sono i suoi tentativi di chiedere aiuto, nella rete tutto si trasforma, proprio come il mare di Ulisse che può dare vita e conservarla se si sta uniti, oppure regalare una morte assurda se si seguono i richiami delle Sirene.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...